« Torna indietro

La nostra Mission

Mediacoop è l’associazione delle cooperative giornalistiche, editoriali e della comunicazione. Nasce con la finalità di colmare un vuoto di rappresentanza specifica, di cui sempre più si avverte la necessità, in un mondo dell’informazione interessato da profondi cambiamenti produttivi, finanziari, tecnologici e in cui si sta riducendo sia lo spazio delle voci libere, autonome e indipendenti, sia il ruolo delle esperienze fondate sulla cooperazione, sulla integrazione di capitale e lavoro, sul volontariato e sull’attenzione ai problemi autentici delle persone. Mediacoop raccoglie intorno a sé i soggetti più diversi per orientamento culturale e politico, gli operatori dell’informazione protagonisti di iniziative editoriali nazionali e locali, della carta stampata, delle radio e delle televisioni, organizzati nelle forme giuridiche più varie: cooperative, società, non profit, associazioni a partecipazione diffusa da parte dei cittadini e talora autogestite.

Mediacoop si rivolge al mondo dell’editoria di idee e valori con la massima apertura, con un’attenzione particolare a quanti sono convinti che la cooperazione è la forma societaria che, più di altre, è in grado di tutelare l’autonomia delle testate giornalistiche e di garantire l’indipendenza dell’informazione. Per questa ragione Mediacoop dichiara come sua missione fondante la promozione e la valorizazione della cooperazione e l’impegno perché il valore del libero associarsi, per determinare insieme le condizioni e le finalità del proprio lavoro, si affermi con sempre maggior forza nel mondo dell’informazione e dell’editoria in genere.

Mediacoop conferma la sua partecipazione al Tavolo di coordinamento dei Media Non Profit alla pari con chi, mantenendo il legame con il proprio mondo associativo, ripropone l’esigenza di proseguire quella positiva pratica dell’incontro tra esperienze differenti che il Tavolo ha garantito in questi ultimi anni, rendendo possibile a soggetti editoriali minori, autonomi e sovente territorialmente radicati, di lavorare in rete, costruire sinergie e contribuire ad affermare nei fatti il diritto al pluralismo e alla libertà di informazione.

Mediacoop nasce per difendere e sviluppare tutte le realtà che intende rappresentare in una fase caratterizzata, oggi, da profonde trasformazioni che stanno determinando un effetto moltiplicatore dei fabbisogni comunicativi dei cittadini e generando nuovi attori e nuove sorgenti di comunicazione. A una maggiore domanda di comunicazione non corrisponde, tuttavia, la possibilità di pari opportunità di accesso ai media per tutti i cittadini, come garantito dagli articoli 3 e 21 della Costituzione. Il mercato editoriale, infatti, è bloccato dalla presenza di alcuni grandi gruppi multimediali che ne hanno monopolizzato le dinamiche, soprattutto sul terreno pubblicitario e su quello della distribuzione. Questa situazione, così pesante, è aggravata dall’esistenza di un duopolio televisivo assolutamente anomalo nell’orizzonte internazionale.

A fronte di una domanda più qualificata da parte della popolazione italiana corrisponde, perciò, una situazione di marginalità per tutti quei nuovi soggetti che si pongono l’obiettivo di avvicinare i cittadini ad un consumo di prodotti informativi più elevati. Il nostro mondo è complesso e frastagliato, ma è unito da alcune idee comuni: diritto all’informazione, pari dignità tra soggetti nel mercato editoriale, pluralismo e democrazia nell’informazione, diritto dei cittadini ad accedere ad una pluralità di fonti. Si tratta di un mondo che esiste nella realtà sociale, economica e culturale del nostro paese. Un mondo che deve potersi esprimere perché è già parte del panorama editoriale e offre a molti opportunità di impegno e occasioni di lavoro. Per fare in modo che tutto ciò possa verificarsi, che alle esperienze positive di oggi si possano aggiungere tante altre esperienze nuove e originali, che il numero e la qualità dei protagonisti dell’informazione e dell’editoria possa moltiplicarsi, Mediacoop si pone l’obiettivo della ridefinizione delle leggi di settore per creare un sistema basato davvero sulle pari opportunità.

Mediacoop vuole essere il soggetto associativo che esprime e rappresenta il passo in avanti compiuto da tutti i protagonisti del mondo dell’editoria di idee e di valori. Vuole costituire un luogo per consentire agli associati di scambiarsi esperienze, sviluppare sinergie e costruire insieme occasioni di crescita. Vuole offrire gli strumenti perché essi possano competere in un mercato in cui le regole valgano per tutti e il successo sia assicurato non solo dalla quantità delle risorse disponibili, ma soprattutto dalla capacità di produrre informazione seria, di qualità, di stimolo al dialogo tra persone e ambienti diversi e lontani. Mediacoop considera fondamentale il rapporto con gli organismi di partecipazione e di settore ( FNSI, Sindacato dei giornalai, OdG, ecc.) sia a livello nazionale che locale, per condurre iniziative comuni per la promozione della lettura, la democrazia e l’indipendenza dell’informazione, l’effettiva libertà di accesso di tutta la stampa ai canali di distribuzione e diffusione, nonché per la promozione imprenditoriale delle aziende editoriali. Per garantire ai giornali di raggiungere il loro pubblico in tempi brevi, certi e con costi sostenibili anche per le piccole realtà aziendali, Mediacoop ritiene decisiva la conclusione del processo di ammodernamento del servizio di Poste Italiane e il mantenimento delle tariffe entro limiti accettabili, grazie anche all’intervento integrativo dello Stato che va reso trasparente nelle quantità, nelle finalità, nella destinazione ai soggetti imprenditoriali che se ne avvalgono.

Mediacoop, per rendere più forte l’editoria democratica, tutelare la presenza e il lavoro di quanti vi operano, garantire le condizioni per lo sviluppo del pluralismo dell’accesso e delle fonti decide di dotarsi di una articolata struttura di servizio in grado di offrire ai suoi associati:

  1. Rappresentanza e tutela,
  2. Consulenza legislativa e fiscale,
  3. Consulenza per la promozione, il sostegno e lo sviluppo delle imprese,
  4. Consulenza per lo studio e l’elaborazione di strategie settoriali e di sistema;
  5. Attività di vigilanza e coordinamento